Temporary management

“E’ più facile guidare le persone che comandarle.” (David Harold Fink)

I servizi di temporary management rappresentano nell’ambito della “cultura d’impresa” strumenti innovativi, mutevoli, adattabili a seconda delle circostanze ed esigenze aziendali. Sono altresì flessibili in termini d’impiego e fruizione.

Di fatto, come la terminologia evoca senza dubbio alcuno, sancisce la possibilità d’introdurre in azienda la funzione del “manager a tempo”: figura professionale chiaramente di estrazione e derivazione anglosassone.

In Italia, infatti, il ruolo del temporary manager è apparso poco più di vent’anni fa in maniera molto soft e nemmeno con mansioni ben definite: corrispondeva, di fatto, ad un consulente maggiormente presente in azienda con servizi dedicati.

Poi la figura ha preso sempre più piede, fino ad assurgere, in concomitanza dei grandi cambiamenti finanziari ed economici avvenuti a livello globale negli ultimi decenni, una mansione sempre più utilizzata e riconosciuta sotto il profilo professionale ed operativo.


I vantaggi per l’azienda, derivanti dall’impiego del temporary manager, possono essere molteplici e rispondere ad esigenze tanto diverse quanto varie; per certo:

  • Conservare e verificare, in un tempo stabilito e concordato con l’azienda, le reali affinity con il manager prescelto;
  • Poter conservare con il manager rapporti più flessibili ed orientati al problem solving;
  • Essere supportati ed affiancati in un determinato momento della “vita dell’impresa”, ad esempio: acquisizioni e fusioni, dismissioni di rami d’azienda, cambi generazionali e per tutte le diverse esigenze aziendali e societarie per le quali l’imprenditore necessita di specifiche competenze;
  • Beneficiare di un immediato know how, frutto di relazioni, di comprovate conoscenze ed esperienze sui mercati che s’intendono sperimentare ed approcciare con business model testati e verificati;
  • Far acquisire all’azienda, proprio attraverso l’inserimento dall’esterno di una managerialità, tutto un insieme di soluzioni organizzative e strategie per acquisire e rafforzare nuovi vantaggi competitivi.
  • Ovviamente, l’inserimento della figura del temporary manager, sarà preceduta da un’attenta e dettagliata valutazione delle reali e contingenti necessità dell’azienda.

    Pertanto, la scelta del temporary manager sarà sempre condivisa con l’imprenditore, mai calata dall’alto, eventualmente sostenuta nei processi d’intervento dalla “Pino Management & Consulting Studio” con tutta la gamma di servizi a disposizione per la realizzazione progettuale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi